Scrivere un curriculum

Citazione

Che cos’è necessario?

È necessario scrivere una domanda,
e alla domanda allegare il curriculum.
A prescindere da quanto si è vissuto
è bene che il curriculum sia breve.
È d’obbligo concisione e selezione dei fatti.
Cambiare paesaggi in indirizzi
e malcerti ricordi in date fisse.

Di tutti gli amori basta quello coniugale,
e dei bambini solo quelli nati.
Conta di più chi ti conosce di chi conosci tu.
I viaggi solo se all’estero.
L’appartenenza a un che, ma senza perché.
Onorificenze senza motivazione.

Scrivi come se non parlassi mai con te stesso
e ti evitassi.
Sorvola su cani, gatti e uccelli,
cianfrusaglie del passato, amici e sogni.
Meglio il prezzo che il valore
e il titolo che il contenuto.
Meglio il numero di scarpa, che non dove va
colui per cui ti scambiano.
Aggiungi una foto con l’orecchio in vista.
È la sua forma che conta, non ciò che sente.
Cosa si sente?

Il fragore delle macchine che tritano la carta.

Wisława Szymborska

(da “Vista con granello di sabbia”, traduzione di Pietro Marchesani)

Annunci

Due letture per una Metamorfosi

MetamorphosisLa più celebre delle metamorfosi letterarie è quella di Gregor Samsa, viaggiatore di commercio, che una mattina svegliandosi da sogni tormentati scopre di essersi trasformato in un enorme insetto.
La tragedia sconvolge la sua famiglia. L’epilogo necessario sarà la morte di Gregor, ormai abbandonato e rifiutato dalla famiglia, che vede nella sua morte, per inedia e consunzione, quasi una liberazione.
Ecco due delle possibili letture: celebri e inconciliabili.
Quella di Camus che ruota attorno alla natura simbolica del racconto e quella di Theodor W. Adorno che cerca di scardinare proprio le baggianate di simboli e metafore per cogliere la forte critica sociale.

Un testo-mondo, la Metamorfosi dura appena venti indimenticabili pagine. Max Brod – amico, promotore e curatore dell’opera di Kafka – raccontava che Franz rideva di gusto quando la leggeva agli amici: tutto nacque da un articolo in cui i rampolli delle famiglie ebree erano etichettati come cimici che vivacchiavano alle spalle della famiglia. Continua a leggere

Parole e colori (appunti)

Dopo Rimbaud e i suoi colori delle vocali, voglio continuare a indagare sul legame tra tonalità cromatiche e letteratura

Il mio più lontano ricordo è intinto di rosso. In braccio a una ragazza esco da una porta, davanti a me il pavimento è rosso e sulla sinistra scende una scala pure rossa. Di fronte a noi, sul nostro stesso piano, si apre una porta e ne esce un uomo sorridente che mi si fa incontro con aria gentile. Mi viene molto vicino, si ferma e mi dice: “Mostrami la lingua!”. Io tiro fuori la lingua, lui affonda una mano in tasca, ne estrae un coltellino a serramanico, lo apre e con la lama mi sfiora la lingua. Dice: “Adesso gli tagliamo la lingua”.
Io non oso ritirarla, l’uomo si fa sempre più vicino, ora toccherà la lingua con la lama. All’ultimo momento ritira la lama e dice: “Oggi no, domani”. Richiude il coltellino con un colpo secco e se lo ficca in tasca.

E. Canetti, La lingua salvata
(Traduzione: Amina Pandolfi e Renata Colorni)

Continua a leggere

Tutti gli esseri hanno un destino di felicità

Citazione

Diventai un’opera favolosa: vidi che tutti gli esseri hanno un destino di felicità: l’azione non è la vita, ma un modo di sprecare una qualche forza, uno snervarsi. La morale è una debolezza del cervello.

A ogni essere, mi sembravano dovute molte altre vite. Quel signore non sa quel che fa: è un angelo. Questa famiglia è una nidiata di cani. Di fronte a molti uomini, parlai ad alta voce con un istante delle loro altre vite. – Fu così che amai un porco.
Nessun sofisma della follia, – la follia che viene rinchiusa, – è stato da me dimenticato: potrei ripeterli tutti, ho il sistema.

La mia salute fu minacciata. Arrivava il terrore. Piombavo in sonni di giorni e giorni, e, alzato, continuavo i sogni più tristi. Ero pronto per il trapasso, e lungo una via di rischi la mia debolezza mi guidava ai confini del mondo e della Cimmeria, patria dell’ombra e dei gorghi.

Fui costretto a viaggiare, a distrarre gli incantesimi riuniti nella mia mente. Sul mare, che amavo come se avesse dovuto lavarmi da qualche sozzura, vedevo levarsi la croce consolatrice. Ero stato dannato dall’arcobaleno. Continua a leggere

#IABMOBILE16 – Mobile, il nuovo standard per Internet

Video

Per vedere l’intervista completa: http://bit.ly/23KAajq

La stagione dei Seminar di IAB Italia si è aperta con un tema fondamentale, quello del Mobile, che pesa per il 25% del digital spending, in rapida crescita. Diventa così tassativo avere un approccio sempre più omnicanale, esplorando tutti i settori e utilizzando gli innumerevoli strumenti che l’Advertising Digitale mette a disposizione. E con oltre 32 milioni di italiani che navigano da smartphone (e quasi 13 da tablet), il Mobile è il nuovo standard di internet. Ai nostri microfoni Carlo Noseda, Presidente IAB Italia.

Una produzione Tvn Media Group
Servizio di Antonino Pintacuda – Riprese e montaggio Marco Moroni

[VIDEOINTERVISTE] Cartoomics 2016 – Sergio Bonelli Editore con UT cambia tutto

Gli eroi della Fabbrica dei Sogni sono sbarcati con successo in libreria dallo scorso settembre. A far da apripista il ranger Tex Willer, icona della Sergio Bonelli Editore.

A Cartoomics abbiamo incontrato il Responsabile del settore Libreria della SBE Giovanni Mattioli che ci ha presentato UT, il nuovo personaggio creato da Corrado Roi e Paola Barbato. Con UT e il suo “viaggio sulle vie della fame” la SBE inaugura una collana davvero speciale: dal 25 marzo, infatti, per la prima volta una serie Bonelli arriva in fumetteria in contemporanea con l’edicola.
Per il numero 1 addirittura le variant saranno due, con l’edizione speciale proprio per Cartoomics.

Una produzione Tvn Media Group
Servizio di Antonino Pintacuda – Riprese e montaggio Marco Moroni

[VIDEOINTERVISTE] Cartoomics 2016 – Tra cosplayer, film e fumetti spazio al maestro Milo Manara

Alla 23esima edizione di Cartoomics tante conferme e una vera e propria invasione delle icone di Star Wars. Spazio anche ai supereroi Marvel e DC Comics, con l’ultimo figlio di Krypton e il Cavaliere Oscuro pronti a sfidarsi al cinema.

Nell’edizione 2016 Milo Manara è stato inoltre il primo artista internazionale a ricevere il neonato premio “Cartoomics Artists Award”, che consisterà ogni anno in un pezzo unico creato appositamente da un artista emergente per un artista consacrato. Ne parliamo con Filippo Mazzarella, il Direttore artistico della manifestazione.

Una produzione Tvn Media Group
Servizio di Antonino Pintacuda – Riprese e montaggio Marco Moroni