Svacantati

La notte trascorsa si passeggiava col direttore, pettinando sopiti ghiribizzi. Anacronistici da sempre, obbligati a camminare nelle ore serali coll’asfalto laccato di pioggia per schivar politici, protestanti d’ogni risma e la curiosa fauna che rimpolperà il prossimo censimento cittadino.

Sullo sfondo giovinetti che riempivano il vuoto d’una sera troppo gelata sfogando frustrazioni con i resti degli scatoloni dei commercianti del corso. Tornati in redazione e chiusi i conti dell’anno precedente ci siamo guardati, con un nintendo Ds a separarci e uno scatolone di inutili orpelli da infilar in pacchi e buste. Che l’E-commerce è la penultima spiaggia per metter da parte nocciole e noci come vecchi scoiattoli per affrontare questo che sempre più appare come l’ultimo inverno.

Dozzine di amici veri, con le loro barbe pungenti, le mani sudate e l’alito da posacenere, tutti affratellati dalla stessa sensazione: svacantati. Svuotati d’ogni minima luce nello sguardo. Giornalisti, redattori, traduttori, pubblicitari, programmatori, macchiafogli. Tutti abbiamo scelto strade che ci hanno ancorato qui, a maledire questa terra che rigurgita racconti di vita e di sogni bucati. Con la certezza che un’altra primavera la aspetteremo lontano.

E poi arriva lei: la domanda. Quella che schivi ogni giorno che marchi su ogni dannato foglio di calendario. Cosa fare di questo futuro che sempre più appare sotto una teca, sotto un cupolone di plexiglass in cui pian piano l’aria va esaurendosi. E serve a poco confortarsi celiando con compagni di sventura, che l’insoddisfazione ci accomuni tutti non la rende meno amara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...