La piazza globale

Casteldaccia (PA)Mi vado convincendo sempre più che il villaggio globale – o limitandoci solo alla nostra congeniale dimensione dell’italico web – non sia altro che una grande piazza di paese.

Non solo in quella che chiamo la lit-osfera (Nazione Indiana, Vibrisse, BombaCarta, Cabaret Bisanzio, La Poesia e lo Spirito, Vertigine, Lipperatura, Giugenna e, perché no, BombaSicilia…)

Una piazza di paese che segue il perimetro della rete adsl, ma piazza di paese nei modi e nelle dinamiche resta.

Come quella di Casteldaccia, in provincia di Palermo, dove i vecchi fanno avanti e indietro ininterrottamente.

Si dice che si fermino solo quando qualcuno muore durante la passeggiata o quando qualcuno scivola – scusate la crudezza – sull’altrui catarro.

Praticamente, direttamente o indirettamente, ci conosciamo davvero tutti.

P.S. il 19 sono di nuovo in Italia. Conto alla rovescia? No, grazie.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...