consigli per gli acquisti: V per vendetta e Dampyr

Ora faccio due "lavori", le virgolette le metto per non illudermi che essi siano davvero quella fonte di realizzazione della mia essenza sociale che il vecchio Zio Karl s’augurava.
Svolgo il servizio civile presso il terzo settore del Comune di Bagheria (saremo o non saremo destinati all’ennesimo Commisariamento per infiltrazioni mafiose?), mi occupo al momento di distribuire gli abbonamenti per l’autobus ad anziani e invalidi, li aspetto, li ascolto e mentre sono lì leggo ottimi libri, una minima parte di quelli che da buon famelico lettore ho messo da parte nel mio piccolo transito terrestre.

La seconda occupazione è il classico dei classici per noi ex-secchioni: impartisco lezioni private. In totale dovrei arrivare sulle 30 euro sommando i due impieghi, otto ore di lavoro (6 al Servizio Civile e 2 al pomeriggio), 30 euro che giusti giusti mi permettono di non aver più preoccupazioni per il carburante che mi porta da lei e dai suoi sorrisi allargasperanze.

Quindi qualche soldino per ora lo maneggio anch’io, una parte li metto da parte da buon filo-formica, il resto lo esco per non gravare più sui miei genitori che così capiscono che  già a 24 anni un po’ di sale in zucca ce l’ho (Certo, rispetto al mio babbo che a lavorare ci andò a sette anni sono distante anni luce, ma si fa quel che si può).

Dei soldi che restano fuori dalla capitalizzazione minima e necessaria, la parte più cospicua se la frega l’Agip, il resto se lo spartiscono equamente la feltrinelli e tutte le altre librerie.  Ogni tanto vado pure al cinema, sempre più raramente, lo so. Dai tempi d’oro della tessera gentilmente donata dalla  Zia e Madrina (25 euro per dieci film in prima visione, dieci mercoledì di buon cinema) ne sono passati di giorni. Ora solo un film spettacolare merita i sette euro e cinquanta che pretendono quegli aguzzini dei cineasti.

Almeno a Bagheria ancora siamo a sei euro, ma sono sempre troppi se un dvd in noleggio riportato entro sei ore costa solo 1,50 euro.
Ieri però V per Vendetta ha vinto le mie ritrosie. Ci sono andato con lei e mia sorella e mio cognato. Due ore e mezza spettacolari, uno di quei film che lascia un buon sapore, che fa pensare, che soprattutto non ti fa pentire dei sei euro (che poi diventano dodici perché sarò reazionario e all’antica ma mi piace ancora, se posso, offrire alla mia dama).

La storia risente del modello orwelliano ma in alcuni punti supera il maestro, soprattutto nella dimensione visuale, mutuata dal bel fumetto di Alan Moore e David Lloyd. u n film che di questi tempi sembra ancora più appropriato.

Se rimane qualche spicciolo lo investo sempre in fumetti, a Dylan Dog ho detto definitivamente addio, banalità gratuite m’hanno fatto cancellare l’investigatore dell’incubo dai miei referenti. Sclavi s’è perso e con esso il suo miglior prodotto, i nuovi sceneggiatori tentano ma non so proprio perché le migliori sceneggiature se le tengono per i nuovi eroi Bonelli, Dampyr in primis che leggo dal numero 1 che, per quelle coincidenze della vita lessi proprio a Praga, nell’aprile del 2000 all’ultimo viaggio d’istruzione della mia vita.

Da quel viaggio sono passati sei anni, Dampyr ha vissuto 72 avventure. Tutto torna. Il figlio del vampiro e di una donna mortale è cresciuto, soprattutto perché a differenza del bel tenebroso di Craven Road ancora non ha assunto la dimensione stanziale che ha costituito la fine di Dylan. Dampyr viaggia, sega il planisfero, e incoccia tutti i miti del mondo, le credenze che credevamo dimenticate.

L’Italia compare spesso: il carnevale della Barbagia, le piene del Po, ora anche una Torino incantata e grigia. Anche in questo caso sono due euro e mezzo spesi bene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...