Sembra che siano passate ere geologiche dall’ultima volta che mi sono messo qui davanti a carezzare la tastiera per semplice, puro e disinteressato amore nei confronti delle capacità liberatorie della lingua scritta.

Bagheria è stata una bella prova, sento che qualcosa è cambiato, che con lei ho detto addio alle solite idiosincrasie tardoadolescenziali che riempivano l’acquario in cui lasciavo a macerare tutte le mie pagine.

Anno pieno questo appena trascorso. Ne parlavo giusto ieri con mia madre. Stavamo andando al compleanno di Francesco, quello che un tempo fu il mio cuginetto. Ci togliamo sette anni, sedici anni fa sono andato alla clinica Noto per dargli il benvenuto. Alla tv trasmettevano LA PRINCIPESSA SISSI. Francesco sembrava Papa Giovanni XXIII, lo stesso collo taurino. Era bello pasciuto, più di cinque chili. L’ho praticamente cresciuto io, o quasi. Se avete fratelli minori capite a cosa mi riferisco. I genitori sono indispensabili ma un cugino maggiore fa sempre comodo. Soprattutto se il suddetto cugino che guarda caso coincide con lo scrivente, è stato per anni un ottimo studente. Francesco nemmeno ci prova più, ora è più alto di me di una ventina di centimetri e pesa novanta chili ma si mette sempre la stessa faccia supplice quando elemosina un tema da copiare e miniaturizzare per superare l’ennesimo anno di superiori senza troppi cerchi.

Anno pieno dicevo. C’è stata la laurea mia e quella di mia sorella, una cosa a cui i miei genitori tenevano. Ci volevano arrivare entrambi a commuoversi quando abbiamo stretto la mano dei nostri presidenti di commissione. Io l’ho presa a dicembre, mia sorella a luglio. In mezzo un cambiamento epocale. Perché lo sapete pure voi, ci sono anni che la vita scorre lenta e sembra che non ci siano cambiamenti all’orizzonte. Ma altri che la vita impenna e accelera. Quest’anno appartiene al secondo tipo.

Ultime materie all’università, tesi da scrivere, musa da riabbracciare, corso di cura redazionale, primo intervento ad un convegno, tesi di mia sorella da ribattere in meno di una settimana dopo che s’era cancellata dal vecchio pc, Federazione Bombacarta…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...