melodie buone per far ballare gli orsi

«La parola umana è come una caldaia crepata, componiamo melodie buone per far ballare gli orsi, mentre vorremmo commuovere le stelle»

Flaubert, Madame Bovary

Un gesto: non scriverò più sino a quando non avrò qualcosa di dannatamente buono tra l’amore, il cranio e la tastiera. Prima di diventare una puttana della parola vado a respirare un po’ di vita e digerisco abbastanza eventi per rimpolpare l’encefalo scriptorio. MI sono asciugato tutte le (dis)avventure adolescenziali che, troppo spesso, destoricizziamo scagliandole nel mito.

Cerco un nuovo linguaggio e mi ingolfo in parole già dette.

Come uscire dall’impasse?

Ovvio: con una bella crisi, recuperandone il senso dell’originale cernita.

Io sono alla ricerca.

Mi è venuta a trovare un’immagine pescata nel dimenticatoio pre-adolescenziale, quando mia sorella mi faceva assorbire film come Piccole Donne e Pollyanna, proprio in Piccole Donne c’è la scena finale in cui il Professore tedescofono dice a Jo di smetterla di accavallare

parole e andare all’essenziale, cosa che a Jo riesce quando smette di scrivere di vampiri per narrare della morte di Beth.

Ecco, vado alla ricerca della mia "morte di Beth".

Annunci

2 thoughts on “melodie buone per far ballare gli orsi

  1. "l'essenziale è invisibile agli occhi, non si vede bene che con il cuore". Prima di fare crisi dovresti fare epochè…Il più grande amico delle parole è il cuore. Ciao, simona.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...