intervista per gas-o-line

1 Quando sei nato e dove?


Dicono che sono spuntato l’11 febbraio di 22 anni fa a Palermo, in piena isola triangolare. Due giorni dopo ero già a casa dove scopro di avere una sorella che ha già tre anni e  tiene lei il telecomando. Prima, di sicuro, ero nascosto sotto una pietra scheggiata di un muretto immerso in nel verde, giallo e rosso dei fichi d’india. Dopo aver snobbato per anni il dialetto siciliano da qualche anno tento di portare tutta la mia sicilianità in quello che scrivo. Dicono che qualche volta ci riesco.


2 Quando è nata la passione per la lettura e per la scrittura?


Vivo praticamente isolato in una casa del centro storico di Bagheria, a 20 minuti di autostrada da Palermo. Ci vivo da sempre e qui la natalità sfiora lo zero assoluto, è un’intricata straduzza dove si intrecciano vecchie coppole e una ragnatela di mani callose e gerani che coltivano in quantità industriali per tenere lontani gli scarafaggi. Vista la penuria di coetanei è stata una scelta imposta passare molti pomeriggi stravaccato su un divano a leggere tutto quello che riuscivo a trovare nelle librerie di mia madre. Imparata la magia della lettura a 4 anni e mezzo non ho più smesso. La scrittura “creativa” è spuntata verso gli otto anni. Dovevo avere una scusa per usare la vecchia olivetti serie 82 di mio padre. Amavo la musica che producevano i suoi tasti tondi e grigi.


3 Cosa conta per te nella vita? E nella scrittura?


La coerenza e la consapevolezza fuse insieme nella consapevolezza coerente. Vale sia per la vita che per la scrittura nel gioco di continui rimandi che si costruisce tra le due.


4 Il luogo dove vivi ti ispira per scrivere? Guardi qualche volta dalla finestra e osservi?


Il mare. Le onde che schiaffeggiano la sabbia del bagnasciuga sono le mie muse. Aspetto di trovare qualche euro per comprarmi un portatile e scrivere direttamente in spiaggia, con le parole e i pensieri e i ricordi sposati insieme in una danza ondivaga. Dalla finestra vedo piccioni e rondini che si azzuffano con la mia cagnolona e un orrendo muro giallo. Meglio il mare e i suoi ricordi. Se togli il mare la mia produzione si assottiglierebbe vistosamente.


5 Quale bel momento della tua vita ha inciso particolarmente in un tuo scritto (momento bello o brutto – stessa cosa); cosa ti ispira maggiormente?


Ogni volta che sono innamorato o – di contro – disamorato. È la situazione che partorisce tutte le più belle storie. In fondo siamo solo macchiafogli mortali e innamorati. Possiamo solo amare e scrivere.


6  Incide nel tuo modo di scrivere la natura?


La risposta è implicita nel mio rapporto col mare di cui parlavo alla quarta domanda.


7 Ti piace viaggiare?


Sempre e comunque. Quello del viaggiatore è un animo plasmato con curiosità e amore d’avventura. Però tutti i viaggiatori devono assumersi la responsabilità dei propri sogni. Viaggiare per un siciliano è sempre rischioso. L’isola triangolare fomenta costantemente pensieri di fuga, tutto il mare che ci avvolge ci grida di partire per il nostro “folle volo” ma, se ci voltiamo, è raro tornare indietro. E poi ci lasciamo cullare dalla nostalgia che ha la voce di una conchiglia.


8  Pensi che per scrivere sia importante viaggiare realmente o che sia importante anche viaggiare con la fantasia?
Viaggiare con la fantasia è solo un sinonimo per indicare l’attività dello scrittore. Un foglio bianco è una terra promessa o desolata, dipende da ciò che siamo disposti a mettere in valigia.


9 Immagino tu legga molto; cosa in particolare, quale autore preferisci?


Ho subito per anni Stephen King, dai 14 anni sino a poco fa (stavo leggendo il penultimo volume della saga della Torre nera uscito proprio in questi giorni). Steve King è puro svago. Me lo concedevo dopo un pomeriggio curvo sui libri. A 15 anni ho scoperto i classici e li ho divorati. Soprattutto Dostoevskij e Kafka. Di recente ho scoperto il fascino del mondo greco e le bizzarrie del Maestro e Margherita.


10 Il tuo ultimo libro?


Sono sempre un lettore parallelo. Accanto ai saggi e ai classici di filosofia che devo masticare per l’Università, ci sono i 75 libri della bibliografia della tesi che sto scrivendo. Gli ultimissimi libri sono stati “pastorale americana” di Roth e “La canzone di Susannah” di Steve King.


11 E il cinema? L´ultimo film visto e quello che preferisci?
Deluso dall’indigestione di effetti speciali che ci propina il Cinema con le ultime costosissime produzioni (troy  e Van Helsing, per intenderci), mi sono voltato indietro e, grazie al mio relatore, sto gustandomi i capolavori di Bergman. Ho amato “il posto delle fragole” che ha scalzato il mio precedente film preferito: Forrest Gump. L’epopea di Forrest è splendida e poi Forrest è un narratore meraviglioso.


12 La musica invece? Ti aiuta nel tuo scrivere come ispirazione oppure non ha rilevanza? Il tuo autore e la tua canzone preferiti?


La musica è parte integrante del mio mondo di carta. I Beatles e Bob Dylan su tutti. Anche se Max Gazzè e Guccini restano una piacevole colonna sonora.


13 Come sei arrivato a far parte di BombaCarta?


Navigando depresso su internet dopo la fine di un amore. Avevo 19 anni e tanti dubbi. I dubbi si sono riprodotti, ma BC ormai è una certezza. Un appuntamento quotidiano. Ho conosciuto al primo Bombaday Antonio Spadaro e tutti gli altri, qualche giorno dopo aver pubblicato il sito BombaSicilia, che è ufficialmente entrato nella galassia di BC. Dimenticavo: sono pure uno dei Coordinatori di BombaCarta, i bombers mi hanno eletto per la seconda volta. Ne sono orgoglioso e cerco sempre di trovare tra i ritagli di tempo lo spazio necessario per seguire la mailing list. 
 
14. Quale il tuo scritto che ti è riuscito meglio? E quello che hanno apprezzato di più in lista?


Questa è una domanda da girare ai mie Dicotomici e Fedeli Lettori…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...