THE OTHER di Ruth Fainlight (traduzione di Antonio Spadaro)


Se mi metto a cercare, quel che trovo non sara’ la cosa giusta.
Devo aspettare: la prova piu’ dura, sedersi
Passivo, ricettivo, e paziente, vuoto
Di ogni richiesta e desiderio, finche’
Quell’altro, quell’essere che io mai avrei trovato
Anche se avessi speso l’intera mia vita nella ricerca, muovera’
Dalle ombre, avvicinandosi come un selvaggio, goffo bambino.


E questo sara’ il compito piu’ lungo: dare attenzione,
aprirmi. Distillare la mia energia
E’ più difficile che usarla.
Eppure di certo a rivelarne la presenza
Sara’ il suo andare contro le vene della mia natura
Che sempre invoca una scelta. Lo sento, sara’ doloroso
E forte come una nascita in cui non c’e’ pausa.


Devo trattenermi da qualunque richiamo all’azione
Per lasciare che mi si accosti, un cauto sorriso sul viso,
Un braccio alzato per salutarmi o guardarsi da un attacco
(Non posso decifrare quel gesto incerto).
Devo quasi controllare il ritmo del mio respiro
Finche’ la sua orbita sia vicina abbastanza
Che io possa catturare la nota della sua esile acuta voce.


E allora come nei sogni, quando una lingua non parlata
Dai tempi prima dell’infanzia viene richiamata
(Quando ero timida come lei, mia sorella dimenticata,
La sua presenza come completamento e ricompensa),
Comincio a capire, a frammenti, il messaggio
Che ha atteso cosi’ tanto a consegnarmi. Se l’amo imparero’,
alla fine, lo stesso mio segreto dalle parole della sua canzone.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...