L’invenzione di se s…

L’invenzione di se stessi


[…] Scoprire se stessi è impossibile, bisogna inventare se stessi. Roth ha inventato se stesso in ogni libro , chiuso da solo in una camera davanti alla sua macchina per scrivere. Nella sua casa di Torino (la casa dove nacque), Primo Levi raccontò a Roth che la sua scrivania «occupa secondo la leggenda familiare, esattamente il punto in cui io sono venuto alla luce». Il particolare colpì Roth. Credo che gli abbia risvegliato un vecchio sospetto: che l’atto di scrivere è misteriosamente collegato all’atto di nascere. E’ l’invenzione di se stessi.


Antonio D’Orrico, da “Il caso Roth”, Sette n. 16 – 2004, pag. 92

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...