Aspettando i barbari…

Aspettando i barbari


“Sull’agorà, qui in folla, chi attendiamo?”
“I Barbari, che devono arrivare.”
“E perché i senatori non si muovono?
Che aspettano essi per legiferare?”
“È che devono giungere, oggi, i Barbari.
Perché dettare leggi? Appena giunti,
i Barbari, sarà compito loro.”
“Perché l’Imperatore s’è levato
di buonora ed è fermo sull’ingresso
con la corona in testa?.”
“È che i Barbari devono arrivare
e anche l’Imperatore sta ad attenderli
per riceverne il Duce; e tiene in mano
tanto di pergamena con la quale
gli offre titoli e onori.”
“E perché mai
sono usciti i due consoli e i pretori
in toghe rosse e ricamate? e portano
anelli tempestati di smeraldi,
braccialetti e ametiste?”
“È che vengono i Barbari e che queste
cose li sbalordiscono.”
“E perché
gli oratori non son qui, come d’uso,
a parlare, ad esprimere pareri?”
È che giungono i Barbari, e non vogliono
sentire tante chiacchiere.”
“E perché
tutti sono nervosi? (I volti intorno
si fanno gravi). Perché piazze e strade
si vuotano ed ognuno torna a casa?”
“È che fa buio e i Barbari non vengono,
e chi arriva di là dalla frontiera
dice che non ce n’è più neppur l’ombra.”
“E ora che faremo senza i Barbari?
(Era una soluzione come un’altra,
dopo tutto…).”


Costantinos Kavafis (trad. di Eugenio Montale) 

Annunci

One thought on “Aspettando i barbari…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...