cosa si perde, scrivendo

«cosa si perde, scrivendo? […]
E’ la letteratura occidentale che si è interrogata e che si interroga con passione sulle contraddizioni della scrittura, su ciò che essa dà e su ciò che essa toglie.
[…] La scrittura implica una scissione, l’io che scrive si scopre un altro, attore o sostituto di se stesso. […]»

Claudio Magris, Tra i cinesi che sognano Ulisse (corriere della sera- anno 128 n. 294)

Advertisements

5 thoughts on “cosa si perde, scrivendo

  1. che bbello sto blogg! ora mi metto ha scrivere macari io un racconto. piglio un libbro di Pasolini, lo ritaglio a pezzetti e lo metto nel sacchetto della tombola di mia nonna. eppoi estraggo le frasi e faccio una bella novella post futurista saturnista, di quelle che non ci capisci niente ma è meglio che dici che hai capito tutto sennò ti pigliano per gnorante.

  2. Fai,fai…consiglio "Intervista a Pasolini" di Toffolo, sempre se nonna ti presti la tombola, ma dubito lo faccia, xkè a mescolare parole siamo bravi tutti, il problema serio è sorvolare i buki d'incostanza. Grazie al xxxxx! Cordiali Saluti. nirvy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...